Questo sito web utilizza i cookie di terze parti per fornire funzionalità legate ai social media, per consentire le operazioni di prenotazione delle camere e per analizzare il traffico dei visitatori. Non condividiamo con nessuno le informazioni raccolte. Può settare il suo browser per ricevere una notifica prima di ricevere un cookie oppure può disabilitare l'uso dei cookie. Tuttavia, in questo caso, alcune aree del sito potrebbero non funzionare correttamente. Continuando ad utilizzare il nostro sito o chiudendo questo banner, acconsente all’uso dei cookie.


Prenota ora

Oltre 100 anni di storia

Costruito su un terreno ricevuto come dono per le nozze tra la lady inglese Fanny Morgan e Raffaele Stoppini, l'albergo fu inaugurato nel lontano 1908. In onore dei natali anglosassoni di Fanny, che proveniva da una famiglia residente nella contea del Berkshire, inizialmente fu chiamato Hotel Windsor.

Il progetto iniziale dell'albergo prevedeva solamente due piani al di sopra dell'ingresso principale. Fu per questo motivo che Raffaele, durante l'esecuzione dei lavori, fece spostare l'ingresso più in alto, sfruttando il dislivello della strada e guadagnando così un piano.

Questa modifica fu ostacolata dai proprietari del rivale Hotel Subasio che, grazie ad un ricorso, fecero bloccare i lavori di costruzione per circa un anno. Successivamente il ricorso fu vinto da Raffaele e la costruzione venne finalmente completata. Poichè in quegli anni l'Hotel Subasio si stava espandendo acquistando e incorporando gli edifici confinanti, per ripicca Raffaele comprò uno degli appartamenti adiacenti al solo scopo di bloccarne l'espansione.

Quando durante il periodo del ventennio fascista furono vietati tutti i nomi stranieri, le camicie nere di Mussolini interpretarono il nome dell'hotel come un omaggio al nome della casa reale inglese (che però aveva assunto il nome Windsor solo nel 1917 poichè Re Giogio V scelse di cambiare il nome del proprio casato da Saxe-Coburg-Gotha in Windsor per rispondere al crescente sentimento anti-tedesco sorto in Gran Bretagna durante la prima guerra mondiale) e imposero che l'hotel venisse chiamato prima Albergo Stoppini e successivamente Albergo Savoia, in onore della casa regnante italiana.

Durante la seconda guerra mondiale, l'albergo venne occupato dall'esercito tedesco e il colonnello Müller, comandante delle truppe naziste che occupavano la città di Assisi, lo scelse come propria residenza. Nel film "Assisi underground" (1984) di Alexander Ramati, che narra di quei drammatici giorni, viene raccontato che il numero di telefono del comando era il 210, numero che l'hotel ha conservato fino ai giorni nostri nella forma 075.812.210.

Nell'estate del 1945, al termine della guerra, l'hotel venne riaperto al pubblico e fu scelto di mantenere entrambi i nomi che fino a quel momento aveva avuto, assumendo la denominazione attuale Hotel Windsor Savoia.

Nel 1954 la struttura venne ampliata con la costruzione del ristorante e nel 1956 ebbe tra i suoi ospiti Giovannino Guareschi, celebre anche per essere l'autore della saga di don Camillo e Peppone. Nel 1970 Mino Reitano soggiornò nell'hotel e successivamente nel 1988 Pippo Franco fu ospite della struttura.

Oggi l'Hotel Windsor Savoia è un moderno tre stelle, dotato di tutti i comfort di categoria, ed è tuttora gestito con orgoglio e passione dai discendenti della famiglia Stoppini.

Antiche etichette per il bagaglio

Osservando oggi una vecchia valigia di cartone, molto probabilmente noteremo diverse etichette colorate, di vari formati, incollate su di essa. Verso la fine dell’ottocento infatti, il turismo era un fenomeno d'elite e poche erano le persone che potevano permettersi di viaggiare e soggiornare in alberghi di lusso.

Per i fortunati viaggiatori il personale alberghiero, al momento del ritiro delle valigie o del baule, incollava sui bagagli delle etichette illustrate quasi sempre a colori. L'uso di queste etichette per valigie, graficamente raffinate e spesso realizzate da noti illustratori del tempo, fu anche sostenuto da molti enti allo scopo di promuovere il turismo.

Questa pratica nacque nell'ottocento e proseguì fino agli anni sessanta del secolo scorso. L'etichetta per il bagaglio di un hotel permette quindi di ricostruire non solo lo sviluppo dell’attività alberghiera e turistica ma anche la storia del viaggiare, della grafica e della pubblicità. Anche l'Hotel Windsor Savoia di Assisi, nel corso della sua storia, ha utlizzato questa forma di pubblicità e comunicazione adottando due diverse etichette che troviamo qui raffigurate.